Boinaglios

LEDDA FELE

di Luciano Ledda

Impresa Agricola

  info@boinaglios.com

     
 

 Home  |  Chi Siamo   Curiosità  |  Contatti

     

     

 Il nome Nepente deriva dal greco "ne" = non e "penthos" = tristezza, nessuna tristezza. Questo nome ha ispirato storie e suggestioni fin dall'antichità e viene perfino citato da Omero nel VI libro dell'Odissea. la parola viene usata per indicare la bevanda che Elena di Troia custodiva per il marito Menelao, re di Sparta, per dirimere la sua tristezza; inoltre lo fece servire per Telemaco, giunto a corte afflitto e stanco in cerca di notizie del padre Ulisse non ancora tornato in patria:

"Il Nepente già infuso, e a' servi imposto Versar dall'urne nelle tazze il vino" (Trad. di Ippolito Pindemonte)

La cita anche in altri brani come una bevanda medicamentosa, calmante, usata dai soldati per rimedio contro le ferite. Quasi un narcotico. O un anestetico.

Erodoto, nel libro II delle Storie, parla del Nepente della Valle del Nilo e molti studiosi hanno ritenuto doversi trattare di uno stupefacente, forse un oppiaceo. Poco tempo dopo Plinio il Vecchio, studiando nello "Excursus" del Libro XXIV il Nepente di cui riferiva Omero, si interrogava su quale fosse la pianta corrispondente, concludendo doversi trattare di una misteriosa pianta egizia il cui infuso donava serenità e qualcosa di più:

Hoc nomine vocatur herba quae vino injecta hilaritatem inducit (Con questo nome [Nepente] è chiamata un'erba che messa nel vino induce allegria).

 

     

 

 

Il Nepente è però davvero anche una pianta, anzi un genere di piante carnivore: Nepenthes. Linneo la definì entusiastica-mente: "Si elle n'est pas la Népente d'Hélène, elle le sera certainement de tous les botanistes (Se questa non è il Nepente di Elena [di Troia], sarà certamente [il nepente] di tutti i botanici)" E si chiedeva infatti quale botanico non l'avrebbe avuta per "narcotico", incontrandola in qualcuna delle sue erborizzazioni, emozionandosi all'incontro e presto dimenticando le fatiche sostenute per incontrarla.

Il vitigno CANNONAU, forse erroneamente ritenuto importato dalla Spagna e presente anche in altre zone della Sardegna, grazie al clima secco ed al terreno sabbioso ha trovato qui ad Oliena le condizioni ideali d'insediamento.

 

     

 Un itinerario tra cronaca e letteratura che, tappa dopo tappa, prende avvio dalla "bellezza di piombo" della città di Terranova (Olbia) per proseguire con Cagliari ("città mezza sarda, mezzo continentale, mezzo montanara, mezzo marinara"), l'"oasi africana" di Selargius, Villacidro ("un pezzo di Svizzera sarda"), Iglesias e Gonnesa, ed ancora Nuoro ("con una prepotenza femminile florida"), Oliena, Sassari, Alghero e Porto Torres. 

Questo fu il viaggio in Sardegna degli scrittori Edoardo Scarfoglio e Cesare Pascarella, inviati nell'isola nel maggio 1882 dalle riviste "Capitan Fracassa" e "Cronaca bizantina", ed accompagnati da Gabriele D'Annunzio.

 

Inoltre Gabriele D'Annunzio nel 1909, cimentatosi nel melodramma, usciva la sua "Fedra", una tragedia in tre atti per la musica di Ildebrando da Parma, la cui protagonista incontrando un pirata fenicio gli domanda: Rechi il farmaco d'Egitto, il Nepente che dà l'oblio dei mali? Ancora dunque era diffuso all'inizio del Novecento il significato magico dell'antichità.

 

       

Copyright Ledda Fele di Luciano Ledda 2012  CREDITI

 

Italia

Note Tecniche

England

Tecnical Notes

France

Notes Tecniques

Espana

Notas Tecnicas

Deutschland

 

Technische Hinweise

Prodotti tipici regionali